26.08.2021

Tra luce e temperatura

Come in Svizzera, così nell'UE: se le autorità vogliono raggiungere i loro obiettivi di ridurre drasticamente il consumo di energia per il riscaldamento e il raffreddamento degli edifici nei prossimi dieci anni, la schermatura solare automatizzata dovrebbe essere parte integrante della strategia per l'ondata di rinnovamento. L'ES-SO, l'organizzazione europea per la protezione solare, spiega perché in un nuovo documento di posizione e fa quattro raccomandazioni.

La sfida è enorme: il 75% degli edifici nell'UE non è efficiente dal punto di vista energetico. L'obiettivo della strategia "Renovation Wave" dell'UE, lanciata nell'ottobre 2020, è di rinnovare 35 milioni di edifici verso una migliore efficienza energetica entro il 2030. Con il riscaldamento e il raffreddamento che rappresentano l'80% del consumo energetico residenziale in Europa, la strategia di rinnovamento dell'UE si concentra sulla riduzione del consumo energetico per il riscaldamento e il raffreddamento del 18% nei prossimi dieci anni.

Tuttavia, secondo ES-SO, si perderanno importanti opportunità se i piani e le strategie di rinnovamento vengono portati avanti senza integrare una moderna e automatica schermatura solare. Se le schermature solari sono installate sul 75% delle finestre degli edifici ristrutturati, il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni di carbonio possono raggiungere il 19% all'anno. Inoltre, il risparmio può arrivare fino al 22% se allo sforzo di raffreddamento si desse la stessa importanza di quello di riscaldamento.

La protezione solare automatizzata è una tecnologia altamente conveniente e sostenibile, poiché i prodotti emettono molto meno carbonio durante la loro fabbricazione e durante la loro vita di 20 anni il risparmio energetico è circa 60 volte la loro impronta di carbonio. In estate, l'aria condizionata riduce l'energia richiesta per il raffreddamento. In inverno, il guadagno solare riduce il bisogno di energia per il riscaldamento.

"L'ES-SO accoglie con favore l'obiettivo dell'UE di raddoppiare i tassi di ombreggiamento nei prossimi dieci anni", dice Anders Hall, presidente dell'ES-SO. "L'ombreggiatura ha sempre protetto le persone e gli edifici dal sole. Ma per qualche motivo sembra che negli edifici moderni si debba ribadire questo metodo ovvio. Ha semplicemente senso che la protezione solare automatica sia una tecnologia chiave per raggiungere gli obiettivi climatici dell'UE".

Per questo motivo, l'ES-SO ha fatto quattro raccomandazioni chiave per l'UE e i responsabili politici nazionali quando si tratta di portare avanti la strategia delle onde di rinnovamento. Queste quattro raccomandazioni sono esposte in un nuovo documento di posizione: ES-SO Position Paper sulla strategia dell'onda di rinnovamento dell'UE.

Evitare il surriscaldamento ha un posto nei requisiti di ristrutturazione degli edifici dell'UE.

Gli standard minimi di rendimento energetico per gli edifici esistenti, basati sul principio "l'efficienza energetica prima di tutto", devono includere le schermature solari.
Gli investimenti e la promozione mirata delle ristrutturazioni devono includere la protezione solare.
La radiazione solare attraverso le finestre è riconosciuta come una fonte di energia naturale

Broschüre:
DE: Renovierungswelle und Sonnenschutz in der EU
FR: Programme de rénovation de l’UE et Protection Solaire
IT: Ondata di rinnovamento energetico europeo e schermature solari

Verband Schweizerischer Anbieter von Sonnen- und Wetterschutz-Systemen
Association des fournisseurs suisses de protections solaires et intempéries
Associazione svizzera dei fornitori di sistemi di protezione dal sole e dalle intemperie
crossmenu